di Alberto Grossato
 
 
 
 

Al Toscana Tour trionfano i grandi nomi dell'equitazione internazionale mentre si brinda a 150 giorni dallo CSIO di settembre

E ancora una vittoria della famiglia Philippaerts ha incorniciato il quarto sabato di gare del Toscana Tour 2013. Quest'oggi nella categoria 150 a fasi consecutive del Gold Tour a trionfare è stato il giovane Olivier su Chamonix H (0/0 in 31.52), dietro di lui si sono piazzati altri due grandi nomi dell'equitazione mondiale: il britannico William Whitaker su Fandango (0/0 in 32.28) e lo statunitense Richard Spooner su Caretol (0/0 in 32.57). Nella categoria 140 a tempo, sempre del Gold Tour, si è imposto un altro bravo cavaliere d'oltremanica, Joseph Clayton su Quilano de Kreisker (0 in 61.88) mentre la seconda posizione è andata all'azzurro Filippo Rizzi in sella a Lakota (0 in 62.23) e la terza ad Alberto Boscarato su Nymphea de Laume (0 in 62.96). La gara grossa odierna del Silver Tour, categoria 140 a tempo qualificante per il piccolo gran premio di domenica, ha visto il miglior tempo del tedesco Niklas Krieg su Carella (0 in 60.06) seguito dal connazionale Max Kuhner su Clooney (0 in 61.77) e dal nostro Natale Chiaudani su Fixdesign Corradio-O.H. (0 in 62.66). Durante la pausa pranzo nel Club Pommery si sono levati al cielo i calici per brindare ai 150 giorni dall'inizio dello CSIO di San Marino – Arezzo (5-8 settembre) che, tappa del prestigioso circuito FEI Furussiyya Nations Cup, proietterà l'Arezzo Equestrian Centre nel Gotha degli eventi mondiali. Tantissimi gli ospiti che hanno aderito all’invito del Presidente della Holmo Management (Comitato Organizzatore), Riccardo Boricchi, e del Presidente della Federazione Ippica Sammarinese, Antonio Lazzaro Volpinari. Ai loro interventi di presentazione dell’evento si sono aggiunti quelli di Ita Marzotto, proprietaria dell’impianto che sin dall’esordio dell’attività ha dato un imprimatur di eccellenza al centro, del segretario della Federazione Ippica Sammarinese, Leonardo Lonfernini, del sindaco di Arezzo, Giuseppe Fanfani, del consigliere Regione Toscana, Lucia De Robertis, della presidente della FISE, Antonella Dallari, dell’editore di Class Horse TV, Luca Panerai, del cittì della FISE, Hans Horn e dello lo chef de piste Uliano Vezzani. Le note tecniche ed organizzative sull’evento le hanno fornite Carlo Bernardini (Holmo Management), punto di riferimento organizzativo per la straordinaria attività dell’Arezzo Equestrian Centre. eBruno Quadrelli, presidente del Nuovo Club Ippico Aretino. Cinquecentomila euro il montepremi complessivo per lo straordinario appuntamento che avrà come corollario uno CSIO Juniores (30 agosto - 1 settembre), due CSI*** e categorie amatori.
AREZZO EQUESTRIAN CENTRE
Riccardo Boricchi - Presidente Holmo Management: “E’ un grande onore per noi ospitare per la prima volta ad Arezzo uno CSIO. Sarà un grande evento di sport e spettacolo in una cornice splendida, con tanti appuntamenti a fare da corollario. Stiamo lavorando per creare un appuntamento di grande impatto sportivo e mediatico”.
Carlo Bernardini - Holmo Management: “Lo CSIO di San Marino Arezzo sarà la parte centrale in un contesto di eventi diversificati (Equestrian Style) che partiranno dal 30 agosto con lo CSIO Juniores. Il montepremi complessivo previsto è di 500.000 euro, di cui 150.000 per lo CSIO. Cinque squadre hanno già confermato la loro partecipazione: Italia, Turchia, Grecia, Svezia e Irlanda, mentre Spagna, Marocco e Belgio hanno già avviato i primi contatti. Prevediamo di avere una partecipazione tra le 12 e le 15 squadre. Lo CSIO ha un programma “classico” con la Coppa delle Nazioni in programma il venerdì, una giornata di categorie più prettamente spettacolari il sabato (Derby e le 6 Barriere), e la chiusura, domenica, con il Gran Premio”.
Ita Marzotto - proprietaria Arezzo Equestrian Centre: “Quello di ospitare un CSIO qui ad Arezzo era un sogno nel cassetto ed è quindi con grande soddisfazione che accolgo questa novità. Arezzo potrà essere sicuramente all’altezza di un evento così importante. Durante la manifestazione sosterremoi progetti di beneficienza della Just World International impegnata in attività di supporto e istruzione per i bambini di Honduras, Guatemala e Cambogia”.
Bruno Quadrelli - presidente Nuovo Club Ippico Aretino: “Nei giorni del concorso saranno impegnati tutti i campi. Per il campo Boccaccio è prevista una grande opera di manutenzione per renderlo ancor più bello. Costruiremo inoltre una tribuna di mille posti, mentre implementeremo l’area stand”.
FEDERAZIONE IPPICA SAMMARINESE
Antonio Lazzaro Volpinari - presidente Federazione Ippica Sammarinese: “La nostra aspirazione era quella di riconsegnare lo CSIO a San Marino e se siamo riusciti nell’intento dobbiamo anche ringraziare la felice intuizione dell’Arezzo Equestrian Centre, la FISE e la FEI. Puntiamo molto su questo evento che rappresenta una grande opportunità per San Marino, per l’Italia e per rinforzare ancora di più il rapporto tra le due federazioni, ma soprattutto rappresenta una grande opportunità per i nostri cavalieri e per i giovani”.
Leonardo Lonfernini, Segretario Federazione Ippica Sammarinese: “San Marino metterà in campo eventi ed iniziative culturali e promozionali per far capire che l’equitazione è cultura ed agonismo che deve coinvolgere la comunità a cui è legata”.
ISTITUZIONI LOCALI
Giuseppe Fanfani, sindaco di Arezzo: “Grazie a questo concorso possiamo far conoscere ancora di più la nostra città sia nel nostro paese che all’estero. Questo concorso internazionale rappresenta un’opportunità per creare possibilità economiche e turistiche nel nostro territorio, un volano per la crescita della città di Arezzo”.
Lucia De Robertis - consigliere Regione Toscana: “L’Arezzo Equestrian Centre è uno dei fiori all’occhiello del nostro territorio e della nostra regione. Sta a noi far conoscere all’Italia questo centro di eccellenza, una struttura e un’organizzazione che forse all’estero è conosciuta ancor più che a livello locale”.
FEDERAZIONE ITALIANA SPORT EQUESTRI
Antonella Dallari - presidente FISE: “Si tratta veramente di una grande opportunità per il movimento equestre, ma sarà anche un’importante occasione per l’ambito sociale e turistico. Abbiamo bisogno di eventi importanti come questo per riportare l’equitazione ad alto livello nei territori italiani. Per i cavalieri stranieri sarà un’ulteriore occasione per vivere l’eccellenza di Arezzo, mentre i nostri cavalieri potranno misurarsi ai massimi livelli”.
Hans Horn - Cittì Salto Ostacoli: “Nella nostra programmazione di tratta scuramente di una tappa centrale. Una chance in più per noi per misurarci a livello internazionale con in più il vantaggio di gareggiare su un campo che conosciamo benissimo. Prima dell’appuntamento aretino avremo comunque appuntamenti importantissimi a livello internazionale (il campionato europeo in Danimarca, gli CSIO di Drammen, Lisbona, Sopot e Gijon) quindi sarà necessario impegnare tutti i cavalieri a disposizione”.
Uliano Vezzani, Chef de Piste: “Arezzo è stato il mio trampolino di lancio a livello internazionale e il primo CSIO di San Marino si è disputato a Modena che è la mia città natale. Due elementi che mi rendono orgoglioso ed emozionato di ricoprire il ruolo di Chef de Piste in questa nuova avventura”.
MEDIA PARTNER
Luca Panerai, editore Class Horse Tv: “Lo CSIO ha sempre un sapore particolare ed è un volano importante per rende sempre più internazionale il nostro salto ostacoli e per far conoscere la nostre eccellenze. Questi eventi stimolano l’interesse anche di altri media nazionale, Class Horse Tv c’è e ci sarà sempre e siamo contenti di poter essere la vetrina di eventi così importanti nel nostro paese”.


 
     
         
Scrivi alla Redazione -- redazione@cavalcando.it