di Alberto Grossato
 
 
 
 

 

Roger Yves Bost e Castel Forbes trionfano nel primo Gran Premio del Toscana Tour 2013

Con l'eleganza e lo charme il francese Roger Yves Bost, ha inciso a caratteri d'oro il suo nome nell'albo d'oro dell'edizione 2013 del Toscana Tour. Il sella allo stallone quindicenne Castle Forbes Vivaldo van het Bost, il cavaliere d'oltralpe, ha chiuso le due manche senza commettere errori in 34.56 secondi, lasciandosi alle spalle il giovanissimo Nicola Philippaerts su Cortez (0/0 in 35.35) e l'ucraina Katharina Offel su Cathleen (0/0 in 35.35). La presidente della Federaione Italiana Sport Equestri, Antonella Dalari, ha premiato il quarto posto dell'azzurro Roberto Turchetto su Baretto (0/0 in 35.42), il quinto di Paolo Adamo Zuvadelli su Walestro van het Bloemenhof (0/0 in 36.94) e il sesto dell'aviere Luca Marziani su Caribo Z (0/0 in 37.28). Sorridente e soddisfatto al termine della Marsigliese, Bost ci ha parlato del suo compagno di gara: “ Monto Castle Forbes da due anni, ed oggi è la nostra giornata più bella, la nostra prima vittoria in un Gran Premio di questo tipo. Lo scorso con lui ho saltato bene al CSI5* di Valencia e qui ad Arezzo dove avevamo vinto due gare di qualificazione. Fu poi Nippon d'Elle a regalarmi la vittoria del Gran Premio della seconda settimana. Insomma Arezzo mi porta fortuna!”
Parla straniero anche il piccolo Gran Premio del Silver Tour della prima domenica del Toscana Tour 2013 per merito del messicano Lambre Santiago su Wasabi (o/o in 37.27) che ha lasciato la seconda piazza a Kataharina Offel su Pou Le Poussage (0/0 in 37.53) e la terza al polacco Igor Kawiak su Noah de Bacon (0/0 in 38.31) mentre nella 140 a fasi consecutive del Gold Tour è tutto azzurro il podio capeggiato da Paolo Adamo Zuvadelli su Silla (0/0 in 30.92), seguito da Natale Chiaudani su Fixdesign Milos du Plan (0/0 in 32.83) e da Filippo Marco Bologni su Trifoglio di San Calogero (0/0 in 33.38).
Nella giornata di sabato la categoria 150 a fasi consecutive del Gold Tour era andata a Cassio Rivetti su Constara, secondo si era piazzato Davide Kainich su Tamarix FM e terzo Nicola Philippaerts su Rochet de la Vaulx mentre nella 140 a tempo del Silver Tour la vittoria è andata a Massimo Grossato su Liceo (0 in 54.30), secondo è risultato Filippo Marco Bologni su Love Star (0/0 in 56.32) e terzo il polacco Igor Kawiak su Noah de Bacon (0 in 56.69). L'inglese Graham Gillespie su Veldheer (0 in 53.36) è risultato il più veloce della 140 a tempo del Gold Tour, in cui secondo si è posizionato Natale Chiaudani su Atlantico (0 in 58.26) e terzo Emiliano Liberati su Cantiano (0 in 60.15).
Venerdì 15 marzo la 145 a tempo del Gold Tour aveva già visto l'affermazione di Nicola, giovane talento di casa Philippaerts, che su Rochet de la Vaulx (0 in 59.48) si era impossessato della prima gara di qualificazione per il Gran Premio, lasciandosi alle spalle Natale Chiaudani su Fixdesign Milos du Plain (0 in 59.77) ed Alessandro Colombo su Winner (0 in 60.93). Nella 140 a fasi del Gold Tour era stato Paolo Damo Zuvadelli a dominare la classifica in sella a Silla (0 in 30.53), seguito da Davide Kainich su Loro Piana Tamarix FM (0 in 32.09) e da Alessia Marioni su Casanova Z (0 in 32.73) mentre nella 140 a fasi del Silver vinceva Roberto Turchetto su Bayardo (0/0 in 26.99), secondo risultava Arnaldo Bologni su Vivier (0/0 in 27.15) e terzo Emilio Bicocchi su Rockman de l'Abbaye (0/0 in 27.51).
La giornata di lunedì concederà il meritato riposo agli atleti presenti all'Arezzo Equestrian Centre, ma già da martedì riprenderanno le gare dei cavalli giovani, che gareggeranno nella seconda settimana del Toscana Tour 2013.


 
     
         
Scrivi alla Redazione -- redazione@cavalcando.it